Serpentine

 

12821332_1061005700625378_8723026687218415471_n

535788_1061005897292025_8207409244567167506_n

Serpentine
In questi giorni (come capita spesso dopo la preparazione di una torta) mi sono ritrovato con qualche albume in più. Ho allora deciso di cogliere l’occasione per proporvi un’interessante variante alle “solite” Lingue di gatto. Si tratta di simpatici biscotti a forma di spirale chiamati Serpentine.
La preparazione richiede un po’ di pazienza e l’utilizzo di una corretta formina (ovviamente fatta in casa).
Ingredienti
100 gr Burro
125 gr Zucchero a velo
100 gr Albumi (circa quattro)
75 gr Farina
15 gr Cacao amaro
Preparazioni serpentine
Far ammorbidire il burro a temperatura ambiente.
In una terrina mescolare il burro con lo zucchero a velo, con un cucchiaio di legno, fino a ottenere un composto gonfio e spumoso. Più morbido è il burro più facile sarà amalgamarlo con lo zucchero. Aggiungere uno la volta, gli albumi amalgamandoli bene al composto. Incorporare poco alla volta la farina setacciata. Mettere tre cucchiai di composto in una piccola terrina e incorporare il cacao amaro amalgamandolo perfettamente.
Poggiare la forma per il biscotto sulla carta da forno. Con una spatola distribuire l’impasto chiaro dentro la parte intagliata. Mettere l’impasto al cacao dentro una piccola siringa o un cornetto di carta vegetale e disegnare una linea lungo tutto il bordo di ogni biscotto.
Cuocere i biscotti in forno preriscaldato a 200°C per circa dieci minuti. I biscotti non dovranno comunque colorarsi, se non solo leggermente lungo i bordi altrimenti si romperanno mentre si attorcigliano.
Staccare un biscotto per volta dalla placca da forno e arrotolarlo velocemente su un matterello di circa 2 cm di diametro. Lasciare intiepidire e sfilare delicatamente il biscotto.
Forma per il biscotto
Ritagliare da un cartoncino un rettangolo di trenta X 5 cm. Ritagliare al suo interno un successivo rettangolo della misura di 24 X 2,5 cm con alle estremità due triangoli con il vertice all’interno.Prima di utilizzare la forma rivestirla con carta metallizzata in modo da poter utilizzare di nuovo la forma di cartone per le volte successive.